Lunedì, 20 Febbraio 2017 17:57

Nuraghe Gilorthi - Arzana

DESCRIZIONE

Il nuraghe Gilorthi è ubicato nell’area collinare a NE del Comune di Arzana a circa 2,5 km dal centro abitato. Il sito, come numerosi altri del territorio, è caratterizzato da un impianto architettonico semplice modellato su un affioramento granitico naturale, utile punto di controllo sopraelevato sull’area circostante.
Costruito con blocchi di granito cavato in loco, il nuraghe è costituito da una torre circolare dal diametro di circa m 4,5 e da un corpo aggiunto a pianta pseudo-ellittica (con asse principale di m 12 circa e asse secondario di m 8 circa). Non si individuano attualmente tracce di capanne ma è probabile che alcune strutture fossero addossate all’area perimetrale del sito e che si sfruttassero, per vari usi, i tafoni naturali.
Molto interessante appare la dislocazione di Gilorthi in una “cortina” di nuraghi, ad E-NE del paese di Arzana, comprendente le torri di Piscina Niedda, sa Pentuma, Arredabba e Biddadeni.
Tale concentrazione di siti era probabilmente dovuta alla presenza di importanti siti minerari e sorgenti di acqua fredda e calda.

COME ARRIVARE

Si parte dal centro abitato di Arzana percorrendo viale Firenze e proseguendo in direzione nord nella strada asfaltata che conduce verso valle costeggiando le pendici di Monte Idòlo. Dopo circa 4 Km dal centro abitato di Arzana, ci troveremo sulla destra una pianta di sughero e uno stradello in terra. Consigliamo di parcheggiare la macchina nello slargo sotto la pianta e proseguire a piedi. Dopo circa 900 m di passeggiata panoramica ci troveremo nell'area archeologica.

INGRESSO

Libero 

MAPPA

Pubblicato in ARCHEOLOGIA IN OGLIASTRA
Mercoledì, 19 Giugno 2013 13:52

Nuraghe Perdu Isu - Gairo

DESCRIZIONE

nel territorio del comune di Gairo, adiacente allo strapiombo di Perdu Isu, è situato l’omonimo nuraghe. Perdu Isu è un precipizio dalle pareti a strapiombo che si affaccia sulla valle del rio Pardu. Il nuraghe è composto da una torre a pianta circolare con un altezza residua di un oltre un metro e da un villaggio. Alcune centinaia di metri prima di Perdu Isu, lungo il sentiero, sono visibili i resti di Scala Acutza, una sepoltura o forse un pozzo arroccato su uno spuntone roccioso. Sono stati effettuati numerosi ritrovamenti di resti umani a valle dello strapiombo e alcuni reperti cerimoniali fanno ritenere, che in tale luogo si effettuava il primordiale rito misterioso tra magia e religione denominato “su babaiecca”, dove i vecchi venivano spinti nel precipizio dai propri figli, perché erano reputati improduttivi, o semplicemente ingombranti per la società.

COME ARRIVARE

partendo dall’abitato di Gairo Sant’Elena procedere lungo la SS198 in direzione Seui. Percorsi otto chilometri si arriva nella frazione di Gairo Taquisara. Lasciare la SS198 e proseguire lungo la strada asfaltata sulla destra, in direzione Tonneri e Perda Liana. Due chilometri dal paese s’incontra una piazzola di sosta e si vede ben segnalato il sentiero per il nuraghe a sinistra della strada.

INGRESSO

libero.

Pubblicato in ARCHEOLOGIA IN OGLIASTRA
Giovedì, 07 Febbraio 2013 12:02

Nuraghe Ponte - Lanusei

DESCRIZIONE

Il nuraghe Ponte è situato al confine tra i territori comunali di Lanusei e Ilbono. Il sito, edificato su un’emergenza granitica, comprende una torre principale, una struttura sub-ellittica che doveva fungere da ingresso e resti di antemurale lungo tutto il perimetro. I vari affioramenti rocciosi completano le murature e ne condizionano la planimetria. La struttura sub-ellettica, posta sul lato sud, costituiva probabilmente l’ingresso al complesso e collegava gli ambienti interni tramite un corridoio, attualmente ostruito dai crolli. Nell’area nord-occidentale, alla base della torre principale si individua un terrazzamento.

E' stato oggetto della prima edizione del Progetto ADOTTA UN NURAGHE che ha permesso di renderlo fruibile attraverso la pulizia dalla vegetazione e alla realizzazione della cartellonistica e sentieristica.

COME ARRIVARE

Dal centro abitato di Lanusei si seguono le indicazioni per Barisardo, SS 390. Si prosegue sempre dritti per due chilometri. Superato lo svincolo per la SP per il ponte di San Paolo-Cagliari si percorrono 350 m sulla vecchia statale per Loceri. Dopo una curva a destra si svolta a sinistra su una strada sterrata. Si percorrono 500m e si arriva a una curva a gomito a destra.

INGRESSO

Libero.

 

[pb_googlemap el_title="Google Map 1" gmap_container_style="no-styling" gmap_alignment="inherit" gmap_dimension_width="100" gmap_dimension_width_unit="%" gmap_dimension_height="300" gmap_margin_top="10" gmap_margin_bottom="10" gmap_zoom="14" gmap_type="HYBRID" gmap_elements="streetViewControl__#__zoomControl__#__panControl__#__mapTypeControl__#__scaleControl__#__overviewControl__#__ " appearing_animation="0" ][pb_googlemap_item gmi_title="Nuraghe Ponte" gmi_url="http://" gmi_lat="39.881145" gmi_long="9.559214" ][/pb_googlemap_item][/pb_googlemap]
Pubblicato in ARCHEOLOGIA IN OGLIASTRA
Giovedì, 12 Aprile 2012 15:47

Pozzo sacro Sa Brecca - Tertenia

DESCRIZIONE

Nella marina di Sarrala, nel territorio di Tertenia, si può ammirare un pozzo sacro forse unico in Sardegna, perché conserva quasi intatta la parte superiore della struttura votiva. Il pozzo, in ottimo stato di conservazione,  ha un vano scala di forma trapezoidale con copertura a scala rovesciata, e una scala di trenta gradini che conduce a una camera sotterranea che intercetta una vena d’acqua. La scala inizia con undici gradini di scisto larghi oltre due metri. La tholos sotterranea è perfettamente conservata. Questo tempio conserva quasi intatta la camera superiore della struttura, anch’essa a tholos e di sconosciuta funzione.

 

COME ARRIVARE

Partendo dal centro abitato di Tertenia prendere le indicazioni per marina di Sarrala, che dista dal paese circa dodici chilometri. Poco prima di arrivare alla pianura, quando si vede un nuraghe sulla destra della strada, prendere la strada sterrata sulla sinistra. Per arrivare al sito bisogna attraversare vari terreni privati, chiedere il permesso.

 

INGRESSO

Libero (proprietà privata).

 

Pubblicato in ARCHEOLOGIA IN OGLIASTRA
Mercoledì, 11 Aprile 2012 16:15

Nuraghe Bau'e Tanca - Talana

DESCRIZIONE

Il nuraghe Bau’e Tanca domina l’altopiano del margine, nel territorio del comune di Talana, a 1100 metri sul livello del mare. Il nuraghe, costruito con grossi blocchi di granito, è in buono stato di conservazione. La tholos centrale, cui si accede da una scala nella sommità del sito, ha l’ingresso principale sormontato da un grosso architrave, ma ostruito dai crolli. Attraverso la scala si scende in un piccolo andito da dove si accede alla camera. Attorno al nuraghe ci sono i resti di una robusta muratura e di varie capanne, in una di queste nel lato nord sono visibili delle nicchie nella muratura.

 

COME ARRIVARE

Dal centro abitato di Talana seguire le indicazioni per villa grande e per il nuraghe Bau’e Tanca. Dopo due chilometri si arriva a un bivio e si prosegue sulla destra seguendo le indicazioni per il nuraghe. Dopo sette chilometri in una strada in salita a forte pendenza si arriva all’altopiano. Il nuraghe è situato sulla destra, visibile e segnalato da cartelli.

 

INGRESSO

Libero.

 

Pubblicato in ARCHEOLOGIA IN OGLIASTRA
Martedì, 17 Gennaio 2012 17:39

Nuraghe Cea - Loceri

DESCRIZIONE

Nell’altopiano di Taccu, in territorio del comune di Loceri, sorge il nuraghe Cea. Il monumento è composto da una torre principale, cui si accede tramite un corridoio,  e una torre aggiunta in un secondo momento costruttivo. Il nuraghe comprendeva anche un piano superiore, il cui crollo ha ostruito la scala di accesso. La torre principale, che ha un diametro di  quasi nove metri, è costruita in blocchi di granito di medie dimensioni appena sbozzati. 

 

COME ARRIVARE

Partendo dal centro di Loceri seguire la strada per l’incrocio San Paolo-Lanusei, situato dopo cento metri dal campo sportivo. Nella rotonda prendere l’uscita a sinistra per Cardedu e dopo aver percorso cento metri risvoltare a sinistra in una strada asfaltata di penetrazione agraria. Percorrere 3,7 km e quindi svoltate nuovamente a sinistra, il nuraghe dista 400 metri.

 

INGRESSO

Libero.

 

Pubblicato in ARCHEOLOGIA IN OGLIASTRA
Martedì, 17 Gennaio 2012 17:24

Nuraghe Santoru - Lanusei

DESCRIZIONE

Nelle vicinanze di porto Santoru, un antico porto abbandonato nel territorio del comune di Lanusei, è situato il nuraghe Santoru. Il nuraghe, costituito da un'unica torre a pianta circolare, non è in buono stato di conservazione. L’edificio è stato costruito utilizzando blocchi di metarenarie (scisti) di medie dimensioni appena sbozzati. La tholos si conserva con un diametro massimo di quasi cinque metri e un altezza di neanche due. Si arriva al nuraghe dopo un sentiero in salita, a forte pendenza, immerso nella macchia mediterranea.

 

COME ARRIVARE

dal centro abitato di Lanusei seguire le indicazioni per Cardedu-Cagliari. Percorsi 25 chilometri in direzione Cagliari si arriva nelle vicinanze del centro abitato di Tertenia. Prendere la seconda uscita sulla destra seguendo le indicazioni per marina di Sarrala. Si percorrono 13 chilometri fino a arrivare in località “Barisoni”, dove termina la strada asfaltata. Dopo aver percorso 1,7 km quando la strada incontra un torrente, si prosegue a piedi lungo la strada sulla destra. Il nuraghe è in cima a una collina e non facilmente avvistabile.

 

INGRESSO

Libero.

 

 

 

Pubblicato in ARCHEOLOGIA IN OGLIASTRA
Domenica, 09 Ottobre 2011 12:37

Pozzo Sacro Su Presoni - Cardedu

DESCRIZIONE

In località Is cugudadas, nel territorio del comune di Cardedu, immerso nella fittissima vegetazione, si trova il pozzo sacro “Su Presoni”, così denominato perché nei secoli scorsi si tramanda fosse usato come carcere. Il pozzo sacro è un edificio connesso al culto delle acque, è composto da una parte sotto terra (cella del pozzo) e una sopratterra (atrio) raccordate da una rampa di scale. Il monumento di Cardedu è in buono stato di conservazione, rimangono ben visibili i muri laterali dell’atrio ad un’altezza residua di più di un metro; la cella del pozzo che conserva integra la copertura ad ogiva e la scala dove è perfettamente integra la copertura a gradoni. L'importanza di questo pozzo sacro viene elevata dagli splendidi disegni in bassorilievo incisi nell'architrave di accesso alla scala.

 

COME ARRIVARE

Dal centro abitato di Cardedu prendere la strada per il mare. Dopo aver percorso un lungo rettilineo, la strada svolta a destra. Proseguire per alcune centinaia di metri finché non si supera un ponte dopo il quale c’è un incrocio. Prendere la destra sulla strada che congiunge alla nuova strada statale 125. Percorsi alcune centinaia di metri prendere la strada sterrata a sinistra che costeggia la bonifica. Purtroppo non ci sono indicazioni e il sito è nascosto nella fitta boscaglia.

 

INGRESSO

Libero (proprietà privata).

 

Pubblicato in ARCHEOLOGIA IN OGLIASTRA
Venerdì, 16 Settembre 2011 02:16

Nuraghe Sellersu - Bari Sardo

DESCRIZIONE

Nell’altopiano di Teccu, in una zona archeologicamente molto ricca, nel territorio del comune di Bari Sardo, è ubicato il nuraghe Sellersu. Il nuraghe, costruito in blocchi di basalto, è in discreto stato di conservazione. E’ composto da una torre principale, e da altre due addossate alla prima, ma di una non si riconosce la struttura a causa dei crolli. Attraverso un ingresso munito di architrave si accede alla torre principale, dove s’individuano una nicchia e i resti di una scala. Dal nuraghe si ha una splendida vista sulla baia di Cea. 
E' stato oggetto della seconda edizione del Progetto ADOTTA UN NURAGHE che ha permesso di renderlo fruibile attraverso la pulizia dalla vegetazione e alla realizzazione della cartellonistica e sentieristica.
 

COME ARRIVARE

Partendo dal centro abitato di Bari Sardo prendere Via Mare, la strada per la marina di Bari Sardo e torre di Barì. Dopo due chilometri svoltare a sinistra su una strada asfaltata per località Cea-Teccu. Percorsi altri 2,5 chilometri si arriva a un incrocio, svoltare a sinistra. Dopo pochi metri lo svincolo per il nuraghe rimane sulla sinistra e si arriva percorrendo alcune centinaia di metri su una strada sterrata. 
In alternativa, dal centro abitato di Bari Sardo, prendere la strada statale 125 in direzione Tortolì. Percorsi 3,5 chilometri girare a destra nella strada per Cea. Si prosegue per cinque chilometri.  La strada sterrata per raggiungere il nuraghe è sulla destra.
 

INGRESSO

Libero
[pb_googlemap el_title="Google Map 1" gmap_container_style="no-styling" gmap_alignment="inherit" gmap_dimension_width="101" gmap_dimension_width_unit="%" gmap_dimension_height="300" gmap_margin_top="10" gmap_margin_bottom="10" gmap_zoom="14" gmap_type="HYBRID" gmap_elements="streetViewControl__#__zoomControl__#__panControl__#__mapTypeControl__#__scaleControl__#__overviewControl__#__ " appearing_animation="0" ][pb_googlemap_item gmi_title="Nuraghe Sellersu" gmi_url="http://" gmi_lat="39.858200" gmi_long="9.685014" ]

Bari Sardo, Località Cea

[/pb_googlemap_item][/pb_googlemap]
Pubblicato in ARCHEOLOGIA IN OGLIASTRA
Lunedì, 12 Settembre 2011 16:26

Nuraghe Perd'e Sorris - Lanusei

DESCRIZIONE

Nell’agro di Lanusei, in località Bach’e pussu, in cima a una collina sorge il nuraghe Perd'e Sorris. La costruzione, del tipo nuraghe monotorre, è in discreto stato di conservazione. La torre a pianta circolare si conserva per un’altezza massima di quattro metri nel lato nord. Attraverso un ingresso munito di architrave si arriva nella camera, che ha un diametro di tre metri e mezzo, ma non è visibile il piano di calpestio originale in seguito ai crolli. Il nuraghe è stato costruito con blocchi di pietra di medie e grosse dimensioni utilizzando numerose zeppe. I numerosi crolli e la fitta vegetazione non consentono di ammirarne la completa planimetria.

 

COME ARRIVARE

Dal centro di Lanusei prendere la strada per Bari Sardo-Loceri. Dopo 1,4 km prendere la destra per strada “Sa serra”. Percorsi nove chilometri, prima di una curva a gomito a sinistra, prendere la strada sterrata-cementata sulla destra. Bisogna percorrere poco più di un chilometro su una strada ricca di buche, finché non s’incontra una ripida salita sulla destra. Il nuraghe è in cima alla collina.

 

INGRESSO

Libero (proprietà privata).

 

Pubblicato in ARCHEOLOGIA IN OGLIASTRA
Pagina 1 di 3