fbpx
Martedì, 17 Maggio 2011 23:27

Su Scultone del Golgo e San Pietro

Golgo

A Baunei si narra che in antichità la piana del Golgo (altopiano che sovrasta l'abitato) fosse abitata da un mostro simile ad un drago chiamato "Scultoni" o "Scurzoni"

Questa creatura immonda era capace di uccidere chiunque incrociasse il suo sguardo. La popolazione era terrorizzava e l'unico sistema che calmava la sua ira era il sacrificio di giovani vergini. 

Un giorno durante la sua opera di evangelizzazione passò a Baunei San Pietro, il quale impietosito dalle richieste di aiuto decise di salire nell'altopiano per estirpare questa piaga. Dopo poco sentendo l'arrivo di qualche intruso, l'animale uscì allo scoperto e fissò San Pietro in modo da ucciderlo con il suo sguardo letale, ma il Santo utilizzando un'astuzia, impiegò uno specchio per  volgergli contro il suo potere. Lo Scultone rimase stordito e il Santo lo potè afferrare per la coda per sbatterlo ripetutamente a terra, fino a far cedere il suolo creando una profonda fenditura che ancora oggi è possibile apprezzare nell'altopiano del Golgo denominato "Su Sterru".

Gli abitanti per ringraziare San Pietro, edificarono e gli intitolarono una splendida chiesa campestre nell'altopiano e da allora ogni anno, l'ultima domenica di Giugno, si danno appuntamento per ringraziare il Santo.

Questa leggenda ha avuto risalto nazionale grazie al celebre fumetto Martin Mystère, poichè nel n. 34 della serie, intitolato "Il mistero del nuraghe", il "detective dell'impossibile" si reca proprio in quei luoghi, discendendo nella voragine e affrontando a sua volta lo Scultone!

Su-scultone

Pubblicato in LEGGENDE
Sabato, 23 Luglio 2011 17:46

BAUNEI

COMUNE DI BAUNEI

 

Baunei-Stemma

Altitudine 480 m s.l.m
Superficie 216,45 Km2
Abitanti 3.669 (01-01-2015)
Densità 16,98 ab./Km2
Frazioni Santa Maria Navarrese
CAP 08040
Prefisso 0782
Cod. ISTAT 105003
Cod. Catasto A772
Zona Climatica  D (Gradi Giorno 1.532)
Nome abitanti Baunesi
Patrono San Nicola di Bari
Festivo 6 Dicembre
Sindaco Salvatore Corrias (05-06-2016)
Sito web

http://www.comunedibaunei.it/

 

Baunei ha un territorio assai vasto (216,45 Kmq), aperto a est sul Mar Tirreno, confinante a sud con il territorio comunale di Lotzorai, a sud ovest con quelli di Triei e Talana, a nord ovest con il territorio di Urzulei, a nord, in prossimità della costa, con quello di Dorgali, lungo la linea segnata dalla Codula di Luna, che a nord traccia anche il confine con Urzulei.

Il paese è attraversato dalla statale 125, la strada che da Cagliari giunge ad Olbia, rispetto ai quali Baunei ha una posizione pressoché equidistante. Alla strada statale 125 si congiungono la strada provinciale 63, che conduce alla frazione di Santa Maria Navarrese, la strada che giunge a Pedra Longa, quella che dal centro abitato porta a Golgo e la strada tortuosa che porta a Triei. Le strade interne all'abitato corrono parallele con un irregolarità che segue approssimativamente le curve di livello: esse sono collegate da ripidi vicoli secondari e, di rado, da strette scalinate.

L'abitato di Baunei sorge ai piedi di un versante calcareo poggiante su rocce scistose che formano un ampio versante esposto a sud ovest, segnato da alcune viticole e, nelle aree ricche d'acqua, da culture orticole, scandite in appezzamenti che, alternandosi a vaste aree ormai incolte, seguono il versante fino a digradare verso la piana antistante.

Sulla sommità il bastione calcareo termina con una superficie sub pianeggiante che trova nel vasto sprofondamento calcareo di Golgo (riempito nell'era Quaternaria da una colata di lava basaltica), uno dei luoghi più peculiari del "pianeta Supramonte". Il paesaggio ha una forte connotazione selvaggia e vede nel binomio mare-montagna un connubio naturalistico di pregio assoluto.

Si possono distinguere almeno due grandi zone montane omogenee che si aprono, lungo una linea di costa di singolare impatto, sul mare.

La prima, a nord ovest, copre l'area montana che da Monte Bitzicoro giunge fino all'altopiano di Margine; la seconda, a nord est, comprende una vasto settore centrale dove si estende l'altopiano del Golgo, collegato a sud con Planu Supramonte, incombente sull'abitato, e a sud est con il fronte costiero degli acuti speroni di Punta Ginnirco e Punta Giradili.

Le tracce più remote della presenza dell'uomo nel territorio sono state rinvenute nel deposito antropozoico della grotta di Su Marinaiu, presso Cala Luna: si tratta di resti di ossidiana, selce e ciotole in ceramica d'impasto, elementi che fanno presumere che la cavità fosse abitata nel Neolitico Antico.

Salvatore Corrias

Ogliastra, Antica Cultura - Nuova Provincia, i Paesi

Mediateca Ogliastrina

Pubblicato in Comuni dell'Ogliastra
Giovedì, 14 Luglio 2011 09:48

Comuni dell'Ogliastra

L'Ogliastra è situata nella zona centro orientale della Sardegna. Appare come un anfiteatro naturale delimitato dalle montagne. Si affaccia ad est sul Mar Tirreno, confina a nord-ovest con la Provincia di Nuoro e a sud-ovest con la Provincia di Cagliari. Il suo vasto territorio è prevalentemente collinare/montuoso comprendendo il massiccio del Gennargentu con la sua vetta più alta, Punta La Marmora 1834 m slm, le piccole porzioni di pianura sono collocate in prossimità dei paesi costieri. La Provincia istituita nel 2005 comprende 23 comuni, con i suoi 1.854 Kmq è 75esima per superficie rispetto alle 110 province italiane, mentre con i suoi 58.000 abitanti circa è ultima per la quantità di popolazione e la stessa posizione in classifica la ottiene per la densità di abitanti per Kmq (31,5 ab/Kmq).  Il clima è generalmente mite, i venti costanti e talvolta impetuosi.

Pubblicato in Non categorizzato
Pagina 3 di 3