fbpx

Prima categoria girone A

 

Nel turno che precede lo stop per le vacanze natalizie è solo il Villagrande a sorridere. I biancoblu rifilano un perentorio 5-0 alla cenerentola del girone, il Capoterra. Grande prova per gli uomini di Staffa, che vanno in gol con Marco Murgioni (che supera l'estremo difensore ospite con una splendida rovesciata), Lello Usai, Andrea Pili, Fabiano Columbano (prima rete in prima categoria per questo talentuoso centrocampista classe '94) e Andrea Nieddu. Brutta sconfitta per il Triei, che torna da Sinnai con 5 reti sul groppone (5-2). Sconfitta casalinga per la Castor, che deve arrendersi al Cus Cagliari (nel quale militano i lanuseini Daniele Deplano e Mauro Pistis). I cagliaritani espugnano il “Zinnias” con una vittoria di misura. Perde anche l'Idolo, 2-1 contro il Su Planu. A Girasole va in onda il festival del gol: finisce 4-4 tra i padroni di casa e la Frassinetti, al termine di un match a dir poco rocambolesco e “zemaniano”.

 

Seconda categoria girone B

 

La capolista Seui non va oltre l'1-1 contro il Sadali, ma non ne approfitta la Baunese che pareggia ad Arbatax 0-0. Vittorie esterne per Perdas e Jerzu, che regolano rispettivamente Nuragus (2-0) e Osini (4-1). Tertenia sconfitto a Escalaplano per 3-1. L'Ilbono, al termine di un match vibrante e ricco di colpi di scena (3-3), raccoglie un punto di fronte ai propri tifosi. Infine l'Ulassai si aggiudica il derby con il Loceri vincendo 2-0 sul proprio terreno di gioco.

 

Terza categoria gironi D, H e I

 

Il Trisailis, dopo aver rotto la scorsa settimana un digiuno di vittorie che durava da ben 21 mesi, viene sconfitto fuori casa dal Bottida, che si impone per 5-0. Talana vittorioso in casa contro il Lodè. I baroniesi vengono regolati col punteggio di 3-1. Grande vittoria esterna del Lotzorai, che costringe il portiere tianese a raccogliere per ben 7 volte il pallone dalla rete (7-1). Gli ogliastrini, grazie a questa vittoria, raggiungono in classifica il Santu Predu al secondo posto. Nel girone H, l'unica ogliastrina (l'Ussassai) viene sconfitta a Ortacesus per 2-0. E' andata male anche nel girone I: sconfitti sia il Gairo, 3-0 contro il Selargius 91, che l'Elini, 4-0 contro il Sa Vida Noa.

Pubblicato in SPORT
Martedì, 13 Dicembre 2011 02:24

Frassinetti 2 - Villagrande 1

Il Villagrande inizia un nuovo corso

 

Frassinetti: Angioni, Mura, Scano, Filippi (88' Cincotti), Lallai (83' Ferreli), Cortis, Mellino, Cairoli, Cau, I. Sanna, Ennas (53' G. Sanna). All. Giordano

 

Villagrande: Saba, Melis, Muggianu, R. Murgioni (84' Nieddu), Usai, Pili, M. Murgioni, Columbano, Scudu, Cannas, Usai. All. Staffa.

Arbitro: Massa di Carbonia.

Reti: 11' Usai, 22', 40' Ennas.

Il Villagrande esce sconfitto dalla trasferta contro la Frassinetti: al vantaggio iniziale degli ogliastrini con Usai risponde con una doppietta Ennas, che regala così i tre punti ai suoi. Questa sconfitta relega il Villagrande all'undicesimo posto in classifica, a più quattro sulla terzultima piazza, che vuol dire retrocessione diretta. Dopo un buon inizio di campionato, grazie alla vittoria casalinga per 3-2 contro il Sarroch, i biancoblu si sono un po' persi per strada, inanellando una serie negativa di risultati durata quasi tre mesi. Il digiuno di vittorie si è interrotto alla 12' giornata, quando gli uomini di Staffa hanno battuto il Quartu Sant'Elena nel suo terreno di gioco. Nel turno successivo gli ogliastrini hanno avuto la meglio sul Villasimius. Queste due vittorie consecutive hanno permesso ai villagrandesi di allontanarsi un po' dalla zona calda della classifica. Dalla scorsa stagione c'è stato un deciso cambio di rotta della società, che ha deciso di non confermare l'allenatore e diversi altri giocatori. Infatti, nonostante l'annata positiva che ha visto i biancoblu sfiorare la promozione diretta, ci sono stati diversi addii. Insieme all'allenatore Paolo Puddu, approdato all'Orione 96, sono partiti Marongiu, Lai (entrambi al Sant'Elena) e Pisanu (all'Orione 96 anche lui). Altri addii eccellenti sono quelli di Matteo Loi e Emanuele Deiana. Il progetto della società è quello di puntare sui giovani del paese. In effetti, andando a sfogliare la rosa della compagine del centro montano, si nota che l'unico “straniero” è Luca Muggianu, talanese, ormai villagrandese d'adozione. Per il resto è da sottolineare la bassa età media della squadra, che può contare su un discreto numero di ragazzi giovanissimi. In particolar modo si sono fatti notare Davide Rubiu, Fabiano Columbano, Mario Natali, tutti nati nel '94 e i più “anziani” Angelo Monni e Mirco Monni, di un anno più grandi. Ad affiancare i giovani ci sono però diversi uomini d'esperienza, come il capitano Michele Cannas, il portiere Alessandro Usai, Roberto Murgioni, Mario Melis e Marco Melis. Proprio quest'ultimo è assente dalla sesta giornata per infortunio, ma da gennaio dovrebbe tornare nuovamente a disposizione di Mister Staffa. Inoltre ci si aspetta il definitivo salto di qualità da parte di alcuni giocatori, uno su tutti Gabriele Scudu, tra i più positivi finora. Alla guida della squadra è stato chiamato Antonello Staffa, già allenatore del Villagrande diversi anni fa. Staffa è molto conosciuto per aver guidato anche Barisardo e Lanusei, ottenendo spesso ottimi risultati. La speranza è quella di mantenere la categoria e di permettere ai giovani del luogo di poter giocare nella squadra del proprio paese.

Pubblicato in SPORT
Mercoledì, 30 Novembre 2011 14:23

Calcio Ogliastra (27-11-2011)

Giornata amara in promozione. In seconda il Seui guida la classifica

Domenica 27 Novembre 2011

XXI^ Giornata di andata

Promozione:

Brutta giornata per le ogliastrine in promozione. Tutte e quattro le compagini hanno infatti rimediato pesanti sconfitte che sicuramente non facilitano la già precaria situazione di classifica. Il Cardedu cade in casa contro la Ferrini Cagliari grazie a un gol siglato a tempo ormai scaduto da Pirisi. Il Lanusei capitombola tra le mura amiche al cospetto del Siliqua. I padroni di casa, dopo essere passati in vantaggio grazie a Mura, subiscono la rimonta avversaria. Sconfitta interna anche per il Tortolì, che anche a causa delle numerose assenze deve arrendersi di fronte all'Arbus. La partita si decide negli ultimi dieci minuti: sul risultato di 1-1, quando tutto sembrava finito, l'Arbus serve un micidiale uno-due che mette k.o la squadra di Tamponi. A nulla serve la rete di Cocco, ormai a tempo scaduto. Il Barisardo esce con le ossa rotte dalla trasferta Sant'Antioco. Gli uomini di Piras tornano in Ogliastra con 5 reti sul groppone. A rendere meno amara la sconfitta la rete di Angioni a dieci dalla fine.

Prima Categoria:

Nel campionato di prima categoria spicca la vittoria dell'Idolo ai danni del Villagrande in uno dei tanti derby ogliastrini che caratterizzano il girone A. A condannare i padroni di casa è proprio un gol di uno dei migliori prodotti del vivaio villagrandese degli ultimi anni, Erik Scudu. La Castor non va oltre l'1-1 in casa del Sinnai, Triei sconfitto a Cagliari dalla Frassinetti. Il Girasole strapazza il Quartu Sant'Elena per 4-0. Ottima la prova dei padroni di casa che sono andati in rete con Mameli e Giolitti, entrambi autori di una doppietta.

Seconda Categoria:

In seconda categoria continua la marcia del Seui, leader incontrastato del girone B. A farne le spese questa domenica sono i cugini dello Jerzu, sconfitti col risultato di 2-1. L'Ulassai, secondo in classifica, pareggia 0-0 in casa contro l'Ilbono. Trasferta di Nuragus amara per la Baunese, che viene sconfitta per 3-2. Sono sei ora i punti di distacco dalla capolista. Tertenia sconfitto a Sadali per 3-0. Stesso risultato negativo per l'Osini, che tra le mura amiche si deve arrendere alla superiorità della Gesturese. Perde anche il Perdas, battuto fuori casa dalla cenerentola Isili per 1-0. Arbatax corsaro a Escalaplano. Importante vittoria per gli arbataxini, che smuovono un po' la classifica.

 

VIII^ Giornata di andata

Terza Categoria:

In terza categoria, nel girone D, ancora sconfitto il Trisailis, ultimo del girone con un solo punto. Il Talana regola la Tonarese col punteggio di 3-1, mentre il Lotzorai esce sconfitto dalla trasferta di Bitti (2-1). Nel girone H l'Ussassai vince e convince per 5-0 ai danni dell'Esterzili. Gli ussassesi sono ora a sei punti dalla capolista del girone, il Seulo. Nel girone I spicca la vittoria esterna del Gairo, che vince in scioltezza contro la Stella Rossa rifilandogli un pesante 4-1. Turno di riposo per l'Elini, ultimo con 0 punti.

Pubblicato in SPORT
Martedì, 12 Giugno 2012 01:06

Elezioni ogliastrine 2012

11 Giugno 2012, ore 22.33 il Ministero dell'Interno diffonde i dati dell'ultima sezione scrutinata della tornata elettorale che ha coinvolto 5 Comuni ogliastrini. Ma già dalla chiusura dei seggi i primi exit poll non si sono fatti attendere infatti grazie ai social network i conteggi diventavano di dominio pubblico quasi in tempo reale e senz'altro in maniera più efficace della diffusione ufficiale del Viminale. La festa liberatoria per i vincitori si è iniziata ad aprire nel tardo pomeriggio quando ormai al netto dei vari riconteggi si poteva esser certi di avere la vittoria in tasca.

Pubblicato in ATTUALITA'

ss-125

L'Assessore regionale ai Lavori Pubblici, Angela Nonnis, ha illustrato ai rappresentanti sindacali ogliastrini lo stato di avanzamento delle principali infrastrutture stradali del territorio. Durante l'incontro concluso il 17 gennaio a Cagliari in tarda serata, alla presenza tra gli altri del capo comparto regionale dell’Anas, Oriele Fagioli, è stato indicato un cronoprogramma degli interventi a partire dai cantieri della nuova Strada Statale 125.

  • Tronco Tertenia - Tortolì, 4° lotto, 2° stralcio per il quale è stata chiusa la conferenza dei servizi su progetto definitivo e l’Anas prevede il bando di gara entro il secondo semestre 2012. Il costo del lotto è di 32,8 milioni, i fondi Cipe stanziati sono 19 milioni che si sommano ad altri finanziamenti disponibili pari a 7,3 milioni. Restano da reperire 6,5 milioni. 
  • Tronco San Priamo - Tertenia, 1° lotto, 1° stralcio è stata attivata, invece, la conferenza dei servizi il 13 settembre 2011, il progetto definitivo è in adeguamento in virtù delle prescrizioni emerse e l’Anas prevede il bando di gara entro il primo semestre 2013. Costo attuale del lotto 60 milioni di euro, fondi Cipe disponibili 40 milioni, altri finanziamenti 30 milioni. In questo caso i fondi sono superiori al fabbisogno pertanto i residui saranno destinati ad altri lotti. 
  • Tronco San Priamo - Tertenia 1° lotto, 2° stralcio, il progetto preliminare è in corso di approvazione dall’Anas a Roma. Il bando di gara è previsto entro il secondo semestre 2013. Il costo di quest’ultimo lotto è di 90 milioni, i fondi Cipe destinati sono 50 milioni, gli altri finanziamenti disponibili ammontano a 40 milioni.
Pubblicato in PRIMO PIANO
Giovedì, 19 Luglio 2012 10:49

Gruppo Folk Gairo

Associazione Culturale Gruppo folk Sant'Elena Imperatrice Gairo

Nel paese di Gairo fino all’anno 2010 il “gruppo folk Sant’Elena” e la proloco formavano un’associazione volta alla promozione e alla tutela del proprio territorio, per conservare e valorizzare le notevoli risorse ambientali e culturali, per migliorarne lo sviluppo turistico e sociale, ma ancor più per il recupero a favore delle tradizioni: i costumi, i cibi, le arti, i mestieri, la storia, il folklore.

Gli scopi e le finalità fondamentali che l’associazione si è posta dal momento della sua nascita sono la cura dell’ambiente e delle sue peculiarità turistico-culturali. Così nel 2007 con la formazione del gruppo Folk si decide in primis di effettuare uno studio accurato sul costume di Gairo per poi poterlo indossare e riprodurre.

Pubblicato in FOLKLORE
Sabato, 04 Ottobre 2014 13:03

Su pastori - Il pastore

L'attività pastorale è, in Sardegna, qualcosa di più di un semplice mestiere, rappresentando, quanto meno, uno stile di vita.

Nonostante il radicale mutamento sociale degli ultimi 50 anni, molti processi produttivi legati al modo agro-pastorale sono rimasti gli stessi, pur non sussistendo più alcune condizioni che rendevano la vita pastorale una sfida quotidiana alla sopravvivenza.

Pubblicato in ARTIGIANATO LOCALE
Martedì, 24 Maggio 2011 21:37

Il Cannonau ha origini sarde!

Che il ruolo dell'isola nella diffusione della coltura della vite sia stato e sia tuttora in gran parte ignorato, e sottostimato, è dimostrato anche dal fatto che quelle che chiameremo, per comodità, ipotesi classiche, non sono supportata da documenti di nessun tipo e sono state fatte diversi secoli dopo, quindi non da testimoni oculari.

Pubblicato in CURIOSITA'
Martedì, 24 Maggio 2011 14:23

Il vino bianco di Telavè - Triei

Lo studio, il recupero e la valorizzazione dei vitigni autoctoni sardi trovano un riscontro formidabile nelle notizie storiche.

Un esempio è il vino bianco di Telavè (Triei, Ogliastra). L'archeologo Mario Sanges riporta una nota di spesa ritrovata negli archivi vaticani, relativa alla fornitura di "ottimo vino bianco di Telavè" al Papa nei primissimi anni del '600. Nel corso delle indagini svolte finora in Ogliastra, è stato possibile rintracciare una decina di interessantissimi vitigni bianchi autoctoni, specifici di questa regione, a dimostrazione che insieme al più noto Cannonau si produceva dell'ottimo vino bianco.

Storicamente le zone migliori per la coltivazione della vite a Triei sono dislocate nelle colline che circondano l'abitato. Su tutte c'è però una località denominata appunto Telavè che si trova nella zona adiacente al villaggio nuragico di Bau Nuraxi. In quella zona, che risale al 1000 a.C., sono state scoperte tracce di vite addomesticata e quindi di una attività vinicola. Alcuni studiosi, in Olanda, facendo delle analisi su alcuni cocci trovati sempre al Bau Nuraxi, nell’aria di Telavè, hanno scoperto che da quelle parti si coltivava la vite. Inoltre una ricerca condotta nella Curia Vescovile di Lanusei, che è stata presentata per la prima volta al Vinitaly del 2005 a Verona, ha dimostrato che già diversi secoli or sono, a Marsiglia, si vendeva il vino "Triei". 

Pubblicato in CURIOSITA'
Domenica, 01 Maggio 2011 00:09

Su Casu Marzu - Formaggio con i vermi

Cos'è su Casu Marzu?

Su Casu Marzu è un delizioso formaggio cremoso dal gusto deciso e leggermente piccante. In italiano viene anche chiamato "Formaggio con i vermi" poichè la sua morbida consistenza è dovuta principalmente alla colonizzazione da parte delle larve della mosca casearia (Phiophila casei).

Viene prodotto in tutta la Sardegna e in base alla regione storica viene chiamato anche casu martzucasu fràzigu, casu modde, casu becciu, casu fattittu, casu giampagadu, cassu 'attu, casu cundítu. Una piccola produzione è presente anche nella Corsica del Sud e viene chiamato "casgiu merzu". La traduzione in inglese è "maggot cheese".

 

Su Casu Marzu nel Guinness dei Primati

Nell'edizione 2009 del libro dei "Guinness dei Primati" il casu marzu è stato denominato come "il formaggio più pericoloso del mondo", perchè secondo le loro affermazioni "eventuali larve rimaste e sopravissute all’azione di succhi gastrici possono provocare vomito, dolori addominali e diarrea sanguinolenta"; ma in realtà non si ha evidenza di forme patologiche o disturbi vari connessi al consumo.

A difesa del casu marzu si sono schierati in tanti, tra cui Antonio Farris docente di Microbiologia agroalimentare alla facoltà di Veterinaria dell'Università di Sassari che sull'Unione Sarda commenta cosi la vicenda: "Non capisco come si possa considerare pericoloso il nostro formaggio marcio che, se fatto come si deve, non ha mai fatto male a nessuno".

 

Su Casu Marzu nella normativa

Le norme igienico-sanitarie emanate in sede europea ne proibiscono la produzione e la commercializzazione ma, al fine di salvaguardare questo prodotto, nel 2004 è stato inserito tra i 4.006 Prodotti agroalimentari tradizionali italiani del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali (154 Made in Sardegna). Questa certificazione permette di richiedere una deroga rispetto alle normali norme igienico-sanitarie in quanto garantisce che la produzione di questo alimento è codificata da oltre 25 anni.

Inoltre nel 2005 alcuni allevatori sardi in collaborazione con la facoltà di Veterinaria dell'Università di Sassari, per poter produrre questo formaggio legalmente e con le adeguate garanzie igieniche, hanno incaricato l'istituto di Entomologia agraria di Sassari di realizzare un allevamento di Piophila casei in ambiente controllato, per poter ottenere il pieno controllo dell'intero processo produttivo.

Infine è stato richiesto all'Unione Europea il marchio DOP per tutelarne la denominazione d'origine Casu Martzu.

Come si produce su Casu Marzu?

Il casu marzu in Ogliastra si produce ancora secondo la tradizione.

Il periodo migliore è rappresentato dai mesi primaverili ed estivi. Le pezze di pecorino vengono lasciate in locali aperti dove vengono attaccate (punte) dalla cosiddetta mosca del formaggio (Piophila casei) che depone le sue uova. Dopo la schiusa, le piccole larve trasformano con i loro enzimi la pasta casearia, del pecorino, in una morbida crema.

La maturazione dura da tre a sei mesi. La pezza bucata viene spesso colmata di olio d'oliva, in modo da ottenere una pasta più cremosa ed omogenea, tanto da renderla spalmabile sul pane. Quando il formaggio è maturo e le larve sono notevolmente diminuite di numero, la pezza viene aperta togliendo la parte superiore (il cappello).

All'interno la tipica crema dal colore giallastro e dal sapore molto particolare e pungente è pronta per essere consumata, spalmata sul pistoccu ed accompagnata da un ottimo bicchiere di cannonau.

 

Su Casu Marzu - Qualche video

Pubblicato in I FORMAGGI
Pagina 4 di 9