Qualità della vita 2015. Ogliastra 50° posto su 110 province

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

Da oltre venticinque anni il Sole 24 Ore misura la vivibilità delle province italiane, elaborando una serie di dati statistici e stilando una classifica finale che li incrocia tutti.

L'Ogliastra nel 2015 si è piazzata al 50° posto su 110 provincie indagate migliorando di 8 posizioni rispetto al 2014.

In particolare lo studio prende in esame sei ambiti principali composti a loro volta da numerosi indicatori.

Di seguito sono riportati i piazzamenti dell'Ogliastra nel 2015:

  • Tenore di vita: 86° posto (-16 rispetto al 2014)
    • Indicatori: il valore medio delle pensioni, i consumi per famiglia o il costo delle case al metro quadro;
  • Affari & Lavoro: 97° posto (-43 rispetto al 2014)
    • Indicatori: il numero di imprese registrate ogni cento abitanti, il tasso di occupazione e quello di imprenditorialità giovanile;
  • Servizi & Ambiente: 49° posto (+2 rispetto al 2014)
    • Indicatori: la disponibilità dei posti negli asili, l’indice di Legambiente, quello di smaltimento delle cause civili, la copertura della banda ultra larga e il tasso di emigrazione ospedaliera;
  • Popolazione: 2° posto (+38 rispetto al 2014)
    • Indicatori: la densità per chilometro quadrato, il saldo migratorio, le separazioni ogni 10mila coppie sposate, numero medio di anni di studio degli abitanti;
  • Ordine pubblico: 2° posto (+46 rispetto al 2014)
    • Indicatori: percentuale di furti in casa, rapine, estorsioni e truffe;
  • Tempo libero: 101° posto (-55 rispetto al 2014)
    • Indicatori: il numero di biglietti staccati in cinema e teatri, presenza di turisti stranieri, numero di librerie, cinema, bar e ristoranti ogni 100mila abitanti.

Analizzando nello specifico la situazione ogliastrina emergono due importanti balzi in classifica arrivando a degli ottimi piazzamenti al 2° posto nell'area "Popolazione" e "Ordine pubblico" questo principalmente è dovuto, per il primo ambito, alla più bassa densità demografica d'Italia (31 ab/Kmq) e al ridotto numero di separazioni (41 ogni 10.000 famiglie) mentre per il secondo ambito, alla riduzione dei reati complessivi tra il 2011 e il 2014, al basso numero di furti in casa (130 ogni 100.000 abitanti) e ai quasi assenti scippi e borseggi (14 ogni 100.000 abitanti). Questi ultimi due valori sono ancora più comprensibili se confrontati con i valori dei furti in casa di Ravenna (839) o i borseggi di Rimini (1063) ogni 100.000 ab.

Il piazzamento peggiore si riscontra nella categoria "Tempo libero" al 101° posto con una caduta di 55 posizioni. Gli indicatori che hanno portato a questa situazione sono l'ultima posizione nazionale nell'indice di sportività e nell'esiguo numero di librerie (3 per 100.000 abitanti).

Altri valori poco lusinghieri si riscontrano nell'area "Affari & Lavoro" 97° posto e in quella "Tenore di vita" 86° posto entrambi in riduzione rispetto al 2014, mentre per la categoria "Servizi & Ambiente" la posizione raggiunta dall'Ogliastra è di mezza classifica (49°).

 

Il resto della classifica su: http://www.ilsole24ore.com/speciali/qvita_2015_dati/home.shtml

 

Letto 826 volte Ultima modifica il Lunedì, 28 Dicembre 2015 23:08

Cerca nel Sito