Turismo in Sardegna, in aumento le presenze in Ogliastra

Scritto da  Andrea Congiu
Vota questo articolo
(0 Voti)

Negli ultimi tempi si sente sempre più spesso parlare di vacanze low-cost, una soluzione ottimale per non rinunciare alle proprie vacanze neanche in questo periodo di crisi.

E nelle mete della vacanze low-cost rientra anche l'Ogliastra grazie anche alla presenza di voli low-cost, ai quali recentemente si sono aggiunti anche gli scali low-cost dei traghetti ad Arbatax che hanno contribuito notevolmente ad aumentare le presenze di turisti nella regione ogliastrina. D'altronde l'opportunità di visitare una terra ricca di cultura, tradizioni e uno splendido paesaggio naturalistico come l'Ogliastra viene sempre presa in considerazione dai visitatori che, aggiungendo la possibilità di raggiungerla con costi minori, diventa un'occasione da non perdere.

Le aree più visitate dai turisti sono le zone costiere ogliastrine,

in grado di soddisfare tutte le esigenze dei bagnanti, offrendo spiagge di sabbia finissima, come ad esempio il Lido di Orrì e le spiagge di Bari Sardo, che si alternano a coste di ciottoli come la spiaggia di Coccorrocci, fino ad arrivare a zone rocciose e scogliere, tutte accompagnate dal mare che a volte ha un fondale molto basso per diversi metri, mentre in altre spiagge il fondale è profondo, come nel caso della spiaggia di Su Sirboni meta ambita da pescatori subacquei e amanti di snorkeling, col mare azzurro e trasparente a fare da scenario in tutto il litorale dell'Ogliastra.

In aumento anche le visite nell'entroterra sardo, dove aumentano le visite dei turisti nell'area dei Tacchi dell'Ogliastra, attratti dalle formazioni calcareo-dolomitiche dove le tipiche flora e fauna dalla Sardegna trovano il loro habitat ideale e dove si creano scenari tra le vallate come le cascate Lequarci, che raggiungono anche i 100 metri di altezza, e le grotte si Su Marmuri in Ulassai, caratterizzate dall'altezza media di circa trenta metri.

Per preservare quest'area è nato un progetto che mira alla fondazione del “Parco dei Tacchi” che consentirebbe la tutela di questo patrimonio naturalistico, con una miglioria ai servizi per i visitatori che troverebbero un'ulteriore attrattiva in questa suggestiva area. Il turismo in Ogliastra vede dati in crescita anche nelle visite alle città ogliastrine, dove si possono assaporare al meglio cultura e tradizioni della Sardegna visitando città come Lanusei che grazie ai suoi musei Diocesano e Civico, racconta la sua storia dal forte carattere religioso che ha attraversato il capoluogo di provincia meno popoloso d'Italia nel corso dei secoli. Così come una meta molto visitata è Jerzu che in estate mostra al meglio il suo lato folkloristico con Feste e Sagre dove il Cannonau, suo massimo esponente, viene apprezzato dai turisti che decidono di visitare questa città.

L'Ogliastra sfrutta al meglio la possibilità di utilizzare voli o scali low-cost per essere raggiunta, offrendo ai visitatori mete per ogni di tipo di interesse in un paesaggio tipico della Sardegna dove le tradizioni locali vengono tramandate di generazione in generazione.

Si ringrazia l'hotelresorttanca di Cardedu per aver fornito i dati relativi all'affluenza di turisti nella regione ogliastrina.

 

 

Letto 5991 volte Ultima modifica il Lunedì, 11 Maggio 2015 22:45

Cerca nel Sito