Il Nuraghe Sellersu è stato adottato!

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

L'organizzazione di “Adotta un nuraghe – II^ edizione” ha visto la stretta collaborazione con la neonata Associazione “Gruppo Archeologico Bari Sardo” grazie alla quale è stato possibile radicare in breve tempo il messaggio dell'iniziativa a numerosi cittadini del comune costiero.

 

L'iniziativa, di grande successo, ha visto coinvolti circa un centinaio di volontari che, in soli 2 giorni, hanno fatto riemergere uno dei gioielli dell'altopiano di Teccu da decenni di incuria e abbandono.

Sono stati realizzati quasi 300 m di sentiero, e ripuliti da rovi, arbusti e fichi d'india, circa 5000 mq di superficie. A giorni verrà sistemata la cartellonistica, direzionale e didattica (in quattro lingue), che consentirà a tutti i visitatori di fruire ottimamente del sito.

Come dichiarato dal presidente Giorgio Altieri "dopo tanta fatica, al termine dei lavori è riapparsa alla vista la struttura megalitica in tutta la sua monumentalità": la torre principale dal diametro di 8 metri, le due torri laterali, il grande villaggio di capanne, quasi 2.000 mq, cinto da un poderoso antemurale a dominio della baia di Cea.

Da qui il colpo d’occhio sulla costa ogliastrina è meraviglioso: lo sguardo spazia dal litorale sottostante sino al Capo Monte Santo di Baunei verso nord e al Monte Ferru di Gairo verso sud regalando scorci paesaggistici di assoluto valore. "Questi siti -prosegue Altieri- rappresentano la nostra storia ma anche la nostra GRANDE BELLEZZA. Sono le nostre cattedrali gotiche, le nostre Tour Eiffel, i nostri Fori Imperiali, e saperli occultati e irraggiungibili è un offesa alla nostra memoria".

La manifestazione Adotta un Nuraghe rappresenta la voglia di riappropriazione della BELLEZZA e di quegli spazi millenari che rappresentano la nostra IDENTITA'. Ma ottenere questo risultato significa credere fortemente nel proprio patrimonio e adoperarsi affinché gli ostacoli burocratici e logistici non ne impediscano la riuscita.

Il nuraghe Sellersu, come la maggior parte dei nuraghi, è ubicato in una proprietà privata e solo grazie alla grande disponibilità dei proprietari è stato possibile proporre alla competente Soprintendenza il relativo progetto di valorizzazione.

Un sentito ringraziamento va dunque a loro e alla funzionaria della Soprintendenza per le Province di Sassari e Nuoro Dott.ssa Gianfranca Salis che ha agevolato in tutto e per tutto la nostra proposta.

Un particolare plauso lo dedichiamo inoltre al Comune di Bari Sardo, al Sindaco Paolo Fanni, e ai numerosi amministratori che, oltre ad essersi prodigati per ottenere le necessarie autorizzazioni, hanno indossato guanti da lavoro e dedicato tempo e fatica per la valorizzazione del monumento.

E' una grande gioia, ancora una volta, vedere quanti Ogliastrini abbiano a cuore il BENE COMUNE e sentano la generosa esigenza di REGALARE il loro tempo per valorizzare le MERAVIGLIE del nostro territorio e permettere a tutti di goderne.

I numerosi supporters logistici e gastronomici (di seguito elencati) che hanno collaborato alla due giorni danno l'idea di quanto bisogno ci sia di queste iniziative e di quanto esse possano essere importanti per i territori:

  • Carlo Amaduzzi (Hotel Domus de Janas)
  • Vito Arra (Sapori d'Ogliastra)
  • Davide Chiai (Caseificio Chiai)
  • Massimo Pilia alimentari
  • Macelleria Simply Bari Sardo
  • Proloco di Bari Sardo

Rileviamo, infine, che a distanza di oltre un anno della nascita della nostra iniziativa diverse associazioni hanno ricalcato l'idea, finanche nel nome! ben felici di questo "contagio", siamo certi che anche tali iniziative nascano dallo stesso spirito identitario e dallo stesso sentimento d'amore verso la nostra terra.

Ancora una volta GRAZIE DI CUORE a tutti coloro che hanno partecipato a questa RICONQUISTA!

 

Coloro che condividono le nostre iniziative possono sostenerci indicando il nostro C.F. 91009950915 nella scelta di destinazione del 5X1000, oppure attraverso una donazione all’IBAN: IT97E0305967684510700485168.

 

Letto 6860 volte Ultima modifica il Giovedì, 23 Aprile 2015 21:32

Cerca nel Sito