Adotta un Nuraghe 2016 - Missione compiuta!

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)

La quarta tappa della manifestazione "Adotta un Nuraghe" ha seguito le tracce delle transumanze che dall'Ogliastra conducevano nelle fertili piane del Sarrabus. Infatti quest'anno l'iniziativa è stata ospitata nella vasta area archeologica di Pranu Iscalas in Comune di Muravera, nella tanca dove la famiglia Demurtas di Villagrande Strisaili da 3 generazioni conduceva le greggi nel periodo invernale.

Durante la giornata di domenica 29 maggio 2016 una trentina di volontari hanno fatto riemergere dalla fitta vegetazione ben 36 menhir disseminati in un'area di circa 3.000 mq e successivamente hanno creato l'accesso e liberato dagli intricati arbusti il Nuraghe Iscalas, da cui si gode un vasto e splendido panorama su Costa Rey. Inoltre a breve sarà installato un cartellone descrittivo in 4 lingue che permetta ai visitatori di poter apprezzare al meglio tutte le caratteristiche del sito.

Il sito archeologico di Pranu Iscalas è veramente particolare per la presenza di questi numerosi elementi litici verticali che in un primo momento erano stati associati all'osservazione delle stelle mentre studi più recenti riferiscono che potrebbero essere menhir preistorici riutilizzati come elementi murari di strutture di età romana. Infatti anche le ricognizioni di superficie hanno individuato elementi litici e frammenti ceramici di varie epoche, che testimoniano una frequentazione dell'area a partire dal Neolitico Finale (3200-2800 a.C., cultura di San Michele di Ozieri), per proseguire poi in età nuragica, nel periodo punico e in età romana (238 a.C. 476 d.C.).

La manifestazione Adotta un Nuraghe rappresenta la voglia di riappropriazione di quegli spazi millenari che sono gli emblemi della nostra IDENTITA'. Ma ottenere questo risultato significa credere fortemente nel proprio patrimonio e avere una grande motivazione che permetta di dedicare il proprio tempo libero gratuitamente per migliorare, nel nostro piccolo, il mondo che ci circonda.

Un sentito ringraziamento va all'Ing. Giorgio Demurtas e tutta la sua famiglia per l'ospitalità e l'indispensabile supporto nella realizzazione di questa tappa di Adotta un Nuraghe, alla funzionaria della Soprintendenza per le Province di Cagliari e Oristano Dott.ssa Chiara Pilo che ha agevolato l'iniziativa e alla Cooperativa 3D di Armungia per il grandissimo supporto tecnico e logistico.

Cogliamo l'occasione per ringraziare anche:

  • Coordinamentu pro su sardu ufitziale per la traduzione dei testi in lingua sarda
  • Joanna Jablonska e Leonarda Pische per la traduzione dei testi in lingua inglese
  • Michael Gebele per la traduzione dei testi in lingua tedesca
  • Le Associazioni:
    • Casa Lussu di Armungia
    • Cultura è libertà di Muravera
    • Saeprus Outdoor di Muravera
    • Terra Mea di Cagliari

Letto 1711 volte Ultima modifica il Lunedì, 30 Maggio 2016 18:41

Cerca nel Sito