Corvo imperiale

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

NOME SCIENTIFICO: Corvus Corax Corax

DESCRIZIONE: secondo le più recenti valutazioni geentiche, la sottospecie sarda Corvus Corax Sardus, attualmente non è più ritenuta valida. È il corvide europeo più grande: è completamente nero, con alcuni riflessi violacei, ma visibili a poca distanza; la testa è abbastanza grossa con iride bruna; il becco è robusto e grosso e completamente nero, leggermente compresso ai lati e arcuato; nella parte enteriore del collo sono presenti delle penne lanceolate, spesso sporgenti, che sembrano la "barba" del corvo; le ali sono arrotondate e ampie e durante il volo tiene le remiganti aperte, come quelle dei rapaci; la sua coda è cuneiforme e lunga; le zampe sono nere e robuste. Non è presente dimorfismo sessuale e i giovani hanno il piumaggio più opaco, ma sempre bruno scuro.

BIOLOGIA E HABITAT: abita le zone montagnose isolate, non distanti da zone rocciose, viene avvistata anche vicino a discariche in compagnia della Cornacchia grigia e ai Gabbiani, o nei carnai allestiti per l'alimentazione dei Grifoni avvoltoi, in quanto la specie è abbastanza socievole. La specie è stanziale nell'isola e nidificante. Frequente sempre le stesse zone e si sposta solo in ricerca del cibo, che consiste in piccoli uccelli, topi, rettili, anfibi, agnelli, carogne, semi, frutti e granaglie. Abitualmente lo si vede posato su alberi o rocce, ma lo si può vedere anche mentre si sposta goffamente sul terreno.

RIPRODUZIONE: il nido si trova su alti alberi o dirupi e può contenere 4-6 uova, costruito da entrambe i genitori, formato da rami e poseidonia e poi ricoperto da muschio, piume, lana e erba fine. La coppia una volta formata rimane unita per tutta la vita, monogamia. Le uova vengono covate dalla femmina e una volta nati, i pulli vengono sfamati da entrambi.

MINACCE: predazione su uova e pulli da parte di predatori naturali, come il cane e il gatto, parassitosi polmonari, uccisioni illegali e disturbo venatorio.

STATO DI CONSERVAZIONE: specie particolarmente protetta dalla Legge Regionale del 1978. Abbastanza comune, ma probabilmente a rischio di diminuzione.

CLASSIFICAZIONE SCIENTIFICA:

  • Phylum: Chordata
  • Classe: Aves
  • Ordine: Passeriformes
  • Famiglia: Corvidae
  • Specie: Corvus Corax Corax

NOME IN SARDO: Colvu, crobu, corvu, colbu.

Letto 141 volte Ultima modifica il Mercoledì, 18 Gennaio 2017 19:30