Upupa

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

NOME SCIENTIFICO: Upupa Epops

DESCRIZIONE: è un uccello dall'aspetto inconfondibile; la testa è piccola e leggermente appiattita laterlamente e sormontata, sul vertice, da una tipica cresta erettile, formata da penne bruno-rosate con apice nero, posizionate a ventaglio, che l'uccello chiude e apre spesso e quando vuole; l'iride dell'occhio è bruna; il becco è nero, lungo, appuntito e leggermente ricurvo ; in generale il piumaggio rimane bruno-rosate, leggermente più scuro sul dorso; le ali sono grandi, arrotondate, con macchie bianche e nere e una piccola parte anteriore che rimane bruno-rosata; la coda è lunga e squadrata, nera e bianca; il sottocoda è bianco; le zampe sono grigie. La femmina, a differenza del maschio, ha la gola e il mento più scuri, mentre i giovani sono simili alle femmine, ma hanno becco e cresta più piccoli. Il loro volo sembra come quello delle farfalle, leggiadro. Il comportamento è simile a quello dei picchi, sta posata sui rami degli alberi o sui tronchi. Le dimensioni variano da 28-31 cm per 44-49 cm di apertura alare. Upupa è il nome scientifico latino, mentre Epops è il nome scientifico in greco.

BIOLOGIA E HABITAT: ama stare in aperta campagna con alberi, parchi, vigneti, frutteti, castagneti, coltivi, oliveti ecc. La specie è diffusa in tutta la Sardegna ed è stanziale nell'isola. Maggiormente si nutre di una vasta varietà di insetti, ma si ciba anche di anellidi e piccoli anfibi e rettili. Il loro volo sembra come quello delle farfalle, leggiadro. Il comportamento è simile a quello dei picchi, sta posata sui rami degli alberi o sui tronchi. Quando va alla ricerca del cibo, alza la cresta. Vive in coppia o in piccoli gruppi.

RIPRODUZIONE: il nido può contenere dalle 5 alle 8 uova, piccole e allungate di color verde-biancastro e ricoperte di puntini neri, costruito su bassi alberi, tra cespugli, rocce e nei buchi dei muri, comunque in ambienti poco umidi.

MINACCE: trasformazioni ambientali degli ecosistemi agrari e forestali.

STATO DI CONSERVAZIONE: la specie è protetta dalla Legge Regionale del 1978 e dall'Allegato II della Convenzione di Berna. Comune anche se poco numerosa.

CLASSIFICAZIONE SCIENTIFICA:

  • Phylum: Chordata
  • Classe: Aves
  • Ordine: Coraciiformes
  • Famiglia: Upupidae
  • Specie: Upupa Epops

NOME IN SARDO: Mariapùpusa, pubùsa, pupusa, pupuxa, culipudida, laudadèus, pigiòne cucùsa, pubusacandia.

Letto 137 volte Ultima modifica il Mercoledì, 18 Gennaio 2017 19:45
Altro in questa categoria: « Falco di palude Balestruccio »