Spioncello

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

NOME SCIENTIFICO: Anthus Spinoletta

DESCRIZIONE: è un passeriforme di piccole dimensioni. La sua colorazione varia a seconda del periodo: in estate presenta le parti superiori scure  tendenti al grigio chiaro sfumato, mentre quelle inferiori sono rosa salmone, compresa la gola; il vertice e i lati della testa sono grigie con il sopracciglio bianco; il becco è piccolo, sottile, nero e particolarmente appuntito; la coda è marrone al centro, poi nera e le timoniere esterne bianche, le zampe sono nere. In inverno, invece, la colorazione del piumaggio è più brunastra sul dorso, mentre nel petto compaiono delle striature scure. Non c'è dimorfismo sessuale. I giovani assomigliano agli adulti durante l'inverno, ma solo leggermente più scuri. Le dimensioni variano da 16-17 cm per 28-30 cm di apertura alare ed è il più grande della sua specie.

BIOLOGIA E HABITAT: durante l'estate frequente zone aperte come praterie e pascoli, zone con vegetazione sparsa, massi e terreno nudo, tìraggiungendo quote anche al di sopra di 3000 m; mentre in inverno scende di quota, sino a frequentare pianure, zone acquitrinose e umide, rive di fiumi e laghi, campi coltivati ecc...Si possono osservano circa una cinquantina di coppie sul massicco del Gennargentu. Vive in gruppi numerosi, in inverno, quando si sposta, ma generalmente è una specie solitaria. Si nutre di insetti, che cattura tra le roccie o tra i banchi di fango in estate e tra le alghe in inverno.

RIPRODUZIONE: nella seconda metà di Maggio si formano le coppie, e una volta scelto il partner lo Spioncello si dedica alla costruzione del nido tra la vegetazione come erbe e cespugli o tra le fenditure nelle rocce. Vengono deposte 4-6 uova grigio chiare incubate dalla femmina preferibilmente, per 2 settimane. Una volta nati, i pulli vengono nutriti da entrambi i genitori e lasciano il nido dopo alcuni giorni, non appena sono in grado di volare da soli.

MINACCE: in Sardegna è considerata una specie a rischio, in quanto l'habitat è troppo ristretto. Abbandono dei pascoli e dei prati da sfalcio in montagna, l'innalzamento del limite della vegetazione arborea, cambiamenti climatici, sfruttamento delle praterie montane per scopo turistico, alterazioni dell'habitat, disturbo acustico.

STATO DI CONSERVAZIONE: specie protetta dalla Direttiva Uccelli, specie non cacciabile ai sensi della Legislazione venatoria.

CLASSIFICAZIONE SCIENTIFICA:

  • Phylum: Chordata
  • Classe: Aves
  • Ordine: Passeriformes
  • Famiglia: Motacillidae
  • Specie: Anthus Spinoletta

 

Letto 97 volte Ultima modifica il Mercoledì, 18 Gennaio 2017 19:50
Altro in questa categoria: « Calandra Ballerina gialla »