Sterpazzola sarda

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

NOME SCIENTIFICO: Sylvia Conspicillata Conspicillata

DESCRIZIONE: molto simile all'occhiocotto, ma appena più piccola e dal particolare nome Conspicillata, che significa "con gli occhiali". Il maschio adulto, nel periodo riproduttivo presenta la testa grigio scura, l'iride rossiccia con contorno perioculare bianco, il becco giallo con la punta nera, sottile e dritto, il dorso ha un piumaggio grigio-bruno e il groppone bruno-marrone, il petto e i fianchi sono rosati, le parti inferiori sono bianche, le ali di media lunghezza sono leggermente arrotondate e ampie di color bruno-marrone, la coda è antrancite bordata di bianco, ha un apice arrotondato e una lunghezza media, le zampe sono bruno-gialle. La femmina rimane leggermente più pallida e senza il grigio in testa. Le dimensioni variano da 12-13 cm di lunghezza per 17 cm di apertura alare ed un peso di 15 g.

BIOLOGIA E HABITAT: vive in zone di macchia mediterranea, con vegetazione bassa, siepi spinose e radi cespugli, dalle zone costiere, dove la si può vedere in zone paludose salmastre alle zone interne, anche a quote elevate. La Sardegna e specialmente l'Ogliastra, presenta l'habitat ideale per questa specie, che è stazionaria e nidificante. Predilige una dieta a base di insetti (zanzare in particolare), ragni e bacche. Come la Magnanina sarda, anche la Sterpazzola sarda è difficile da osservare, perchè generalmente rimane nascosta tra siepi e cespugli.

RIPRODUZIONE: tra Marzo e Giugno viene realizzato il nido sul terreno alla base dei cespugli, dove rimane riparato. La femmina depone 4-5 uova, che vengono covate per 2 settimane. una volta nati, i pulli godono dei genitori per 15 giorni, dopodichè abbandonano il nido appena riescono a volare. Generalmente il maschio costruisce diversi nidi e la femmina può sceglierne uno oppure costruirne un altro.

MINACCE: chiusura di arbusteti, interventi attuati dall'uomo, limitazione della diffusione di zanzare, di cui va parecchio ghiotta e la competizione con l'Occhiocotto.

STATO DI CONSERVAZIONE: specie protetta dalla Direttiva Uccelli e dalla Legge Regionale del 1978. Abbastanza comune, ma difficile da osservare.

CLASSIFICAZIONE SCIENTIFICA:

  • Phylum: Chordata
  • Classe: Aves
  • Ordine: Passeriformes
  • Famiglia: Sylviidae
  • Specie: Sylvia Conspicillata Conspicillata

 

Letto 64 volte Ultima modifica il Giovedì, 19 Gennaio 2017 11:16