Taccola

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

NOME SCIENTIFICO: Corvus Monedula Spermologus

DESCRIZIONE: Spermologus, ovvero che predilige i semi. Il più piccolo tra i corvidi che frequentano l'isola, quasi completamente nero: la testa ha vertice nero; guance e nuca sono grigio-argenteo; l'iride passa da un bianco-argento ad un grigio chiaro; ha un grosso becco corto e diritto, nero; ha due sottilissime strie bianche ai lati del collo, poco visibili; le parti superiori sono nere, con riflessi verdi e porpora su ali e coda; le parti inferiori, invece, sono grigio scuro; le ali di media grandezza, sono larghe e arrotondate; la coda anch'essa media, è squadrata; le zampe sono nere. Non ci sono diformismi sessuali e i giovani sono più grigiastri. Le dimensioni variano da 30-34 cm di lunghezza per 76-85 cm di apertura alare ed un peso di 175-280 g.

BIOLOGIA E HABITAT: la specie è socievole, si sposta in coppia o in gruppi, aggregandosi a stormi di corvi e storni. Il suo habitat ideale consiste in edifici vecchi e non, che comunque abbiano aperture, ruderi, campanili, ponti, muri alti, cavità di alberi, steppe, boschi, terre coltive, pascoli e scogliere marine. Il suo volo è rapido, rettilineo e con profondi battiti di ali. Il verso è frequente e nasale, composto da note simili. Spesso lo si può sentire mentre emette suoni più squillanti in gruppo con i corvi. La Taccola è protagonista di un racconto di Konrad Lorenz, in cui descrive il suo comportamento sociale. Si nutre di insetti e altri invertebrati, semi di alghe e frumento, resti di cibo umano nelle città, pesci alla deriva sulle spiagge e ha l'abitudine di rubare il cibo dalle tavole, abbastanza in fretta rispetto agli altri genere di corvi. Una leggenda sulla Taccola è quella che dice che il suo volo disordinato e il suo gracchiare porta cattivo tempo.

RIPRODUZIONE: il periodo della deposizione va dalla metà di Aprile fino alla fine di Maggio. Il nido viene costruito sugli alberi, muri e rocce, in cavità spaziose con ingresso particolarmente stretto, spesso coabita con altre specie. Il nido a coppa può ospitare 4-6 uova di forma ovale lisce e lucide, nere, bruno-oliva o grigie, costruito dalla coppia, e covate per 17 giorni circa dalla femmina.

MINACCE: disturbo antropico, ristrutturazione di vecchi edifici, chiusure di siti di nidificazione, persecuzione umana con sfocio in abbattimento, predazione.

STATO DI CONSERVAZIONE: specie cacciabile protetta dalla Direttiva Uccelli e dalla Legge Regionale del 1978. Comune e numerosa.

CLASSIFICAZIONE SCIENTIFICA:

  • Phylum: Chordata
  • Classe: Aves
  • Ordine: Passeriformes
  • Famiglia: Corvidae
  • Specie: Corvus Monedula Spermologus

NOME IN SARDO: Tàccula, carroga, carroghedda, carroghinu.

Letto 143 volte Ultima modifica il Giovedì, 19 Gennaio 2017 11:31
Altro in questa categoria: « Gracchio Corallino Storno nero »